Ruolo dei vicedomini istriani nella redazione degli atti notarili in rapporto ad uffici affini dell’area adriatica

RUOLO DEI VICEDOMINI ISTRIANI NELLA REDAZIONE DEGLI ATTI NOTARILI IN RAPPORTO AD UFFICI AFFINI DELL’AREA ADRIATICA

DAROVEC Darko, « Ruolo dei vicedomini istriani nella redazione degli atti notarili in rapporto ad uffici affini dell’area adriatica », Acta Histriae, 18 (4), 2010, p. 789-822

 

SINTESI

Lo studio dell’istituto del notariato nell’Istria nord-occidentale e il confronto con l’attività di questa istituzione nei territori dell’Adriatico settentrionale, soprattutto orientale, hanno portato a concludere che questi luoghi, soprattutto nella fase iniziale di rinnovato successo del diritto romano e, con esso, del notariato dopo il XII secolo, fino alla caduta della Repubblica di Venezia nel 1797 hanno conosciuto uno sviluppo conforme all’esempio delle vicine località adriatiche nord-orientali, adeguando l’attività delle loro istituzioni a particolarità già esistenti. In questo modo ha preso forma l’istituto straordinario del vicedomino (a Trieste, Muggia, Capodistria, Isola, Pirano e Pola), incaricato non soltanto di autenticare i documenti notarili, ma anche di controllare l’attività di tutte le altre cancellerie, nonché di curare e sistemare i libri contenenti i regesti degli atti notarili, compito in altre parti affidato alla responsabilità dei notai. In certi periodi altre località lungo l’Adriatico conobbero diversi uffici, quali ad esempio i memoriali, gli esaminatori, gli auditori ecc., che avevano competenze simili, soprattutto per quanto attiene l’autenticazione, differenziandosi invece anche parecchio nelle altre mansioni.

Parole chiave: Istria, Repubblica di Venezia, Adriatico, notariato, diritto romano.

ABSTRACT

The comparative study of the functioning of the notary institution in northwestern Istria and in the upper eastern Adriatic has revealed that from the period of the revival of Roman law and the ensuing rise of the notary to the fall of the Venetian Republic in 1797, the development of northwestern Istria was modelled upon that of the upper eastern Adriatic area with the functioning of the Istrian institution being adapted to special local characteristics. As a result, the region saw the formation of a unique institution called »vicedominario« (in Trieste, Muggia, Koper, Izola, Piran and Pula) that was authorized not only to certify the authenticity of notarial documents, but also to supervise the operation of all other administrative offices and to keep the records of abstracts of notarial acts – a task entrusted to notaries in other places. Interestingly, in different periods other areas along the Adriatic did know different types of offices such as »memorials«, »examinatores«, »auditors«, »pristaldus«, etc. who had similar, largely certification-related competences, as well as many other obligations of a different nature.

Key words: Istria, Venetian Republic, Adriatic, notary institution.


Darko Darovec

Enseignant-chercheur en histoire moderne, Marie Curie Fellowship Advanced Researcher (Università Ca' Foscari di Venezia, Italie)

More Posts

Publié par

Darko Darovec

Enseignant-chercheur en histoire moderne, Marie Curie Fellowship Advanced Researcher (Università Ca' Foscari di Venezia, Italie)

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.